III Domenica - tempo ordinario

http://www.cuoreimmacolatocuneo.it/data/gallery/parrocchia/big1.jpg
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.

Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.


Commento

Li va a prendere ai bordi del lago, nella Galilea delle genti, guardata con disprezzo dai puritani di Gerusalemme, cerca dei lavoratori, gente comune, non dei sacerdoti, non degli esperti.

Li chiama senza merito, li chiama anche se non sono ancora discepoli, anche se non hanno fatto nessun corso di formazione, anche se non hanno preso nessun diploma da annunciatori.

Li chiama perché vuole loro e li va a prendere dove sono, non li aspetta dietro una scrivania.

Gesù si muove. Gesù agisce. È lui il protagonista, è lui che ci viene a cercare.

Così come Dio chiama Giona, il più imperfetto e fragile fra i profeti, pavido e capriccioso, affatto devoto, affatto virtuoso, per invitare gli abitanti di Ninive a cambiare atteggiamento, e i niniviti cambiano, forse perché vedono quell’invito rivoltogli da un uomo fragile come loro…

Dio ha bisogno di me per annunciare al mondo la salvezza.

Non per salvare il mondo ma per vivere da salvato. Perché il mondo non lo sa di essere salvo. Nel piccolo, fragile mondo in cui vivo Dio mi chiama a diventare suo collaboratore.

Nella quotidianità talvolta insipida e meschina si manifesta, se abbiamo affinato lo sguardo interiore, se abbiamo dato spazio all’anima. Nelle periferie esistenziali in cui abito mi viene a stanare. Non a Gerusalemme, non nel tempio, non nelle scuole rabbiniche.

Ai confini, fuori.

P. Curtaz

2020-05-26 15:50:35
http://www.cuoreimmacolatocuneo.it
Parrocchia Cuore Immacolato di Maria
cuoreimmacolato@diocesicuneo.it
Parrocchia Cuore Immacolato di Maria - Cuneo
parrocchiacim.jpg

Parrocchia Cuore Immacolato di Maria - tel. 0171/692915 - Via Dante Livio Bianco, 1 - Cuneo - Termini d'uso - Powered by Justsites.it